Libro degli ospiti

Scrivi commento

Commenti: 28
  • #1

    orlando metozzi (sabato, 24 gennaio 2009 01:36)

    ANCHE UN TESTO SCRITTO PUO’ FARE DEL LETTORE UN PROTAGONISTA DELL’INCONTRO COL BENE

    (Ricordare questa possibilità con notevole evidenza, mi sembra il merito fondamentale del tuo Sito; ricordarla con maggior forza, mi sembra la scommessa fondamentale del tuo futuro nel ciberspazio)

    Carissima StellaPolare o come ti chiami (perdona il fatto che non so come ti chiami),

    trovo efficace e vestita di bellezza l'idea di sottoporre brevemente al pubblico, dei testi giudicati meritevoli di tanto. Alcuni nemmeno li conoscevo. Hai fatto uno sforzo notevole per scegliere il meglio, onde poesia, profondo significato (contenuto), chiarezza espositiva degli autori...tutto concorre a invogliare il lettore della bellezza del Bene, per quanto questa facoltà dell’invogliare, sia comunicabile da un testo scritto.

    Non c’è dubbio che per questa strada, il lettore non viene solo invitato a elevarsi, ma in ultimo percepisce il movimento dell’incontrare il bello, onde visti i tempi nerognoli che indeboliscono artificiosamente la vista con vari espedienti, ciò non è poco, perché finalmente lo stesso lettore o visitatore, non è solo accolto da invitato e da ospite, ma (ciò che più conta) anche da protagonista del proprio incontro con la Bellezza, la Verità, il Bene.

    Pertanto mi sembra vincente l’idea di scegliere i testi con accuratezza, preferendo la sintesi chiara e profonda (oltre che sitetica), senza trascurare la poesia, nonché il valore dell’evidenza e della originalità.

    Cordiali da

    Orlando Metozzi

  • #2

    umberto (martedì, 31 agosto 2010 00:51)

    Lui ci riempie di doni ogni giorno...sensa chiedere altro che amore

  • #3

    Assuntina (venerdì, 24 febbraio 2012 09:01)

    AI SOLDATI CHE CI HANNO LASCIATO

    Troppe sono le parole
    e senza fine ricominciano ogni volta
    in questa terra di mezzo,
    nei giorni ancora incerti
    fra l' autunno e l'inverno.
    Ad uno ad uno,,
    conto i passi che separano la mia mano
    dal triste tricolore che ti avvolge,
    celando i tuoi cari lineamenti
    svelati a tratti, oltre le mie lenti scure,
    in quella foto ardita che ti raffigura
    con allegre gocce di sorriso
    scucite entro le pieghe delle tue dolci labbra.
    Orgoglio del mio cuore,
    disseminavi promesse intrise di speranze,
    tramutate ormai in perle tristi di rugiada
    sulle mie fredde gote.
    Nessun nome riesce a urlare il mio cuore,
    straziato fra le pieghe di rose profumate,
    bianchi e vellutati petali,
    che avvolgono il luogo ove tu riposi.
    AI SOLDATI CADUTI IN AFGHANISTAN
    Tu mi hai insegnato la voce del silenzio,
    ma è più profondo ora che non mi parli
    e, mentre vago tra le quiete stanze,
    si tempra il mio dolore
    e accompagnerà la tua anima e la mia
    verso l'eterna Luce.

  • #4

    ASSUNTINA (venerdì, 24 febbraio 2012 09:04)

    Mi scuso,ma il sottotitolo della poesia(AI SOLDATI CADUTI IN AFGHANISTAN) mi è finito tra i versi
    oltreiltempo@libero.it

  • #5

    Spagnuolo Loredana (domenica, 25 marzo 2012 20:34)

    Sono affascinata da questo sito. Voglio anch' io collaborare....

  • #6

    stellapolare.jimdo.com (domenica, 25 marzo 2012 22:19)

    Bene! :-) Ogni contributo è ben accetto. Se vuoi pubblicare testi o preghiere, puoi utilizzare questa pagina del "libro degli ospiti".

  • #7

    LZ1990 (giovedì, 29 agosto 2013 22:57)

    Mi piace questo sito e le preghiere che avete inserito nelle pagine. Avanti così! :)

  • #8

    Alessandro (domenica, 12 ottobre 2014 21:50)

    Il sito è bello, le preghiere anche, sarebbe ancor più bello se vi aggiungeste ogni tanto qualche preghiera del mattino e della sera in armonia con i testi liturgici o rifacendosi ad essi... quasi una preghiera-riflessione...magari con una immagine che richiami, in qualche modo, la sintesi della preghiera stessa.
    Comunque, complimenti per l'iniziativa che però non deve rimanere statica.

  • #9

    Bianca Maria (domenica, 07 dicembre 2014 16:38)

    Sono una maestra di scuola primaria di Napoli, cercavo una poesia per i miei alunni di V, non avevo trovato nulla di bello e invece qui ho l'imbarazzo della scelta. Credo che farò imparare per Natale "Perché sono nato, dice Dio" e le altre comunque le leggeremo, perché, grazie a Dio in classe abbiamo la LIM. Grazie e che Dio ci benedica tutti. A volte, quando penso a Dio, mi capita di impazzire di gioia, nonostante le mille difficoltà in cui mi trovo. BUON NATALE A TUTTI!

  • #10

    gigia (giovedì, 04 febbraio 2016 19:58)

    Salve oggi poter pregare ovunque e bellissimo...grazie

  • #11

    Gina (giovedì, 21 luglio 2016 11:56)

    Ottimo sito, complimenti!
    Saluti dal family hotel scena, Gina

  • #12

    Romina (martedì, 27 dicembre 2016 17:21)

    Una pagina bellissima:-) Cari saluti, Romina dal Belvita Hotel wellness.

  • #13

    Flavia (lunedì, 15 maggio 2017 22:54)

    Prega per me, prega per mia mamma, prega per mio padre, prega per mio fratello.

  • #14

    Francesco Sinibaldi (mercoledì, 25 aprile 2018 15:18)

    In the purity of a dream.

    Modest and
    sparkling virtue,
    I can hear an
    attraction where
    a delicate
    candle discovers
    a fate.

    Francesco Sinibaldi

    https://www.samuelguerrier.com/guestbook

  • #15

    Francesco Sinibaldi (sabato, 23 giugno 2018 14:00)

    L'équilibre de la douceur.
    ( other version )

    Le soleil disparaît
    dans les ombres
    fugitives d'une
    branche pleine
    de feuilles, et comme
    un rêve qui revient
    dans la grâce d'une
    forêt silencieuse
    j'écoute, en marchant
    sur le sentier, la
    tendre chanson
    d'un oiseau
    solitaire.

    Francesco Sinibaldi

  • #16

    Francesco Sinibaldi (sabato, 20 ottobre 2018 14:33)

    In the purity of a dream.
    ( other version )

    Modest and
    eminent virtue,
    when the sun
    goes away
    and a yellowing
    leaf touches the
    ground with a
    delicate movement
    I can hear, in the
    forest, the timid
    attraction to the
    light of your fate.

    Francesco Sinibaldi

  • #17

    Francesco Sinibaldi (domenica, 09 dicembre 2018 14:26)

    Quand le son disparaît...
    ( other version )

    En marchant sur
    le sentier qui traverse
    la douce campagne
    je médite sur le présent
    qui rappelle une
    sensation: c'est très
    agréable décrire
    la lumière qui
    couvre le passage
    de la brise qui
    retourne...

    Francesco Sinibaldi

  • #18

    Francesco Sinibaldi (lunedì, 10 dicembre 2018 18:01)

    Lacrime in fiore.

    Cinguettando negli
    albori della quiete
    vien contento il
    passerotto che
    s'adagia un po' stupito
    ove brilla quel
    mattino con un suon
    d'immensa luce...

    Francesco Sinibaldi

  • #19

    Francesco Sinibaldi (mercoledì, 12 dicembre 2018 10:49)

    Lacrime in fiore.
    ( altra versione )

    Allor che il
    venticello freme
    adagiandosi nel
    canto di una rosa
    sconsolata vien
    contento il passerotto
    che si posa un po'
    stupito ove brilla
    quel mattino con
    un suon d'immensa
    luce...

    Francesco Sinibaldi

  • #20

    Francesco Sinibaldi (lunedì, 17 dicembre 2018 20:30)

    Lacrime in fiore.
    ( terza versione )

    Vien cheta e poi
    cantando la fuggitiva
    voce e allor che il
    venticello freme
    adagiandosi nel
    pianto di una rosa
    sconsolata par
    contento il passerotto
    che si posa un po'
    stupito ove brilla
    quel mattino con
    un suon d'immensa
    luce...

    Francesco Sinibaldi

  • #21

    Francesco Sinibaldi (sabato, 22 dicembre 2018 09:48)

    Lacrime in fiore.
    ( ultima versione )

    Vien cheta e poi
    cantando la fuggitiva
    voce del candido
    mattino e allor che
    il venticello freme
    adagiandosi nel
    pianto di una rosa
    sconsolata par
    contento il passerotto
    che si posa un po'
    stupito ove brilla
    quel sorriso con
    un suon d'immensa
    luce...

    Francesco Sinibaldi

  • #22

    Francesco Sinibaldi (giovedì, 27 dicembre 2018 17:48)

    Una emoción perpetua.

    Después de
    la tarde claro
    y dichoso
    aparece el
    sonido, como
    un débil sabor
    que regala el
    eterno.

    Francesco Sinibaldi

    https://rosalindbieber.zenfolio.com/guestbook.html

  • #23

    Francesco Sinibaldi (sabato, 29 dicembre 2018 02:04)

    Escape from the darkness.

    And when even a
    fine cloud will turn
    in the heaven bringing
    the smile of a suffering
    journey remember the
    happiness of a juvenile
    moment, the light of
    a feeling and the delicate
    image of a morning
    appearance and then,
    in a sudden, the song
    of your future will
    shine in the distance
    to discover the joy...

    Francesco Sinibaldi

    Composition written this night utilizing,
    as song of support, the beautiful “ Sitting
    in my Hotel “ by The Kinks.

  • #24

    Francesco Sinibaldi (martedì, 01 gennaio 2019 14:10)

    Sweet winter sounds...

    https://www.youtube.com/watch?v=oT8p3wo55d0&index=168&t=0s&list=FLmq7-Pos6kNZlJHRLTuWn0g

    Francesco Sinibaldi

  • #25

    Francesco Sinibaldi (domenica, 06 gennaio 2019 14:19)

    Una emoción perpetua.
    ( other version )

    Después de
    la tarde intenso
    y constante regresa
    el sonido del viento
    impetuoso que
    mueve las hojas
    dejando en los
    campos la nueva
    tristeza del silencio
    perdido...

    Francesco Sinibaldi

    http://www.donbosco.co.uk/pp/guestbook/gbook.php

  • #26

    Francesco Sinibaldi (sabato, 12 gennaio 2019 14:03)

    Una emoción perpetua.
    ( third version )

    Siento el mágico
    canto que viene de
    lejos donando la luz
    de una efímera
    calma: después de
    la tarde intenso
    y constante regresa
    el sonido del viento
    impetuoso que
    mueve las hojas
    dejando en los
    campos la nueva
    tristeza del silencio
    perdido...

    Francesco Sinibaldi

  • #27

    Francesco Sinibaldi (mercoledì, 16 gennaio 2019 17:45)

    Una emoción perpetua.
    ( last version )

    Meditando sobre
    el pasado siento un
    mágico canto que
    viene de lejos trayendo
    la luz de una efímera
    calma: después de
    la tarde intenso
    y constante regresa
    el sonido del viento
    impetuoso que
    mueve las hojas
    dejando en los
    campos la nueva
    tristeza del silencio
    perdido...

    Francesco Sinibaldi

  • #28

    Francesco Sinibaldi (lunedì, 21 gennaio 2019 18:07)

    La douceur d'une pensée.

    Une belle
    image dépeint
    le portrait
    qui chante
    le matin et
    alors, dans
    l'aube d'une
    pensée, j'attends
    le sourire.

    Francesco Sinibaldi